Tri Site Bolus

Palpebre cadenti, Blefaroplastica non chirurgica, Ringiovanimento dello sguardo

Con il “TRI SITE BOLUS” si può dire addio alle borse sotto agli occhi e al cedimento delle guance : ma senza chirurgia!

È stata una regione a lungo trascurata da chirurghi e medici estetici. Eppure, quella della guancia è la zona che più di tutte contribuisce a regalare giovinezza e freschezza al volto. Ancor più invalidanti a livello estetico le borse sotto agli occhi. Se, infatti la regione sotto-orbitaria e malare sono  “segnate” ne risente tutto il viso, che appare stanco, sciupato e invecchiato. Oggi rimediare a eventuali difetti estetici che compaiono in quest’area è più facile. E’ infatti disponibile una tecnica non chirurgica, quindi non invasiva che permette di migliorare l’estetica delle guance e di eliminare le borse sottooculari senza bisturi.

Perché compaiono le borse sotto agli occhi e la guancia “cede”
A livello estetico, per guancia si intende la regione anatomica del volto che comprende la palpebra inferiore e la parte superiore della guancia. Si tratta di un’area fondamentale per la giovinezza del volto. I primi segni dell’invecchiamento, infatti, appaiono proprio in questa zona e consistono in: ptosi (caduta e cedimento) dei tessuti; atrofia (riduzione) dei cuscinetti di grasso; comparsa delle borse agli occhi; accentuazione della piega e dei solchi naso labiali (i segni che si forma nella zona compresa fra naso e bocca). Tutto inizia con il cedimento dei tessuti e l’atrofia del cuscinetto del grasso della guancia, a causa dei quali si assiste a uno scivolamento verso il basso di pelle e tessuti più profondi della guancia. Questo scivolamento va ad accentuare i solchi naso labiali e porta alla formazione di nuove pieghe nella zona. Con il passare del tempo, i cuscinetti di grasso della zona si assottigliano sempre di più, facendo diventare più evidente il canale lacrimale (localizzato fra l’angolo interno della palpebra inferiore e il naso). Inoltre, il grasso presente nella zona orbitale può prolassare, portando alla comparsa di borse sotto gli occhi.

Le soluzioni precedenti
Fino a qualche anno fa, non si prestava la giusta attenzione a questa parte del volto. I chirurghi estetici si concentravano sulla regione frontale, sugli zigomi e sulla mandibola , trascurando la regione superiore della guancia . Infatti il lifting classico del volto non lavora su questa sede e la blefaroplastica inferiore, nonostante sia in grado di eliminare l’eventuale ernia adiposa (grasso eccedente), non ripristina lo svuotamento della guancia e la floridezza tipica dell’età giovanile, anzi contribuisce spesso a conferire alla zona un aspetto più scavato.
Fino a poco tempo fa si ricorreva quindi ad alcune tecniche ma con risultati quasi sempre parziali:  
- la blefaroplastica con riposizionamento del grasso : il chirurgo elimina la cute palpebrale in eccesso e simulataneamente rialza il tessuto adiposo sotto la palpebra inferiore (sempre con lo stesso accesso);
-lipofilling: il chirurgo preleva piccole quantità di grasso da altre zone del corpo e , dopo centrifugazione le inietta a livello della guancia superiore, per riempire i vuoti e donare nuovo turgore all’area;
- il lifting del III° medio del volto con tecnica SMAS: è un lifting che consente di sollevare i tessuti della zona zigomatica e delle guance. In pratica, si ottiene una correzione della area zigomatica e mediofacciale “riposizionando” nella loro sede originaria i tessuti scivolati in basso. Queste soluzioni sono spesso rifiutate perchè invasive e possono indurre gonfiori, ecchimosi ed edemi, con tempi di recupero non velocissimi.

Il “TRI SITE BOLUS”
Anche in Italia esiste una nuova tecnica per il trattamento di borse palpebrali inferiori e svuotamento della guancia. È stata messa a punto all’Università di Montreal in Canada e si chiama Tri - site bolus: si tratta di un lifting ambulatoriale duraturo della palpebra inferiore e della guancia.
Consiste in infiltrazioni in bolo di un gel a base di acido ialuronico , una sostanza presente naturalmente all’interno dell’organismo, che dà sostegno e resistenza alla pelle, rende i tessuti turgidi, viscosi ed elastici e ha azione fortemente idratante e cementificante.  Il gel utilizzato in questa tecnica ha consistenza viscosa, elastica e struttura reticolare. Queste caratteristiche gli permettono di durare a lungo e di essere particolarmente robusto.  Questa metodica non va confusa con i dermalfiller utilizzati per correggere le rughe sottili : a differenza di questi ultimi, infatti, la tecnica prevede un impianto “di pavimentazione”, con ricostruzione dei piani profondi dei tessuti.

Le fasi del trattamento
Il trattamento viene eseguito in ambulatorio, in pochi minuti, da un medico esperto nella metodica.
Lo specialista nella metodica fotografa l’area da trattare e segna con una penna dermografica i punti in cui intervenire. Se il difetto è esteso inietta una piccola quantità di anestetico per ridurre il dolore e bloccare temporaneamente la sensibilità dolorifica della zona. Il medico esegue poi una pressione con le dita a livello della guancia, per mimare l’effetto voluto e capire la quantità di prodotto necessaria.  A questo punto può procedere con le iniezioni di acido ialuronico: utilizzando una mano sola e aghi molto sottili, inietta in tre punti diversi della guancia, in modo perpendicolare al tessuto cutaneo e in profondità, piccole quantità di acido ialuronico. Durante questa manovra, con la mano libera favorisce la diffusione del gel, attraverso piccole pressioni. La procedura viene poi ripetuta per l’altra guancia.  

I risultati sono immediati
Gli effetti di questo lifting ambulatoriale sono immediati e visibili già al termine della seduta.  L’eventuale modesto rossore che residua dopo la correzione dell’inestetismo scompare nell’arco di ventiquattro ore e la persona può riprendere immediatamente la propria vita sociale e di relazione.  Il gel a base di acido ialuronico iniettato in profondità, in tre sedi diverse, va a costituire delle sorte di piloni di sostegno: forma una impalcatura che solleva i tessuti soprastanti, andando a riempire i vuoti e a risollevare la pelle. Le guance risultano nuovamente turgide e piene, il canale lacrimale non è più evidente, le pieghe naso labiali si attenuano e la zona orbitale si rimodella facendo scomparire le borse sotto gli occhi.

È una procedura sicura e adatta a tutti
La metodica è poco invasiva e sicura: è stata sperimentata per nove anni su migliaia di persone e non ha mai dato problemi o comparsa di effetti collaterali significativi.  Il gel iniettato è biocompatibile, anallergico e atossico: non causa problemi di allergia, rigetto o di altro tipo e si integra perfettamente con i tessuti dell’organismo.  Questo lifting è indicato per persone di qualsiasi età, infatti, può essere personalizzato e creato “su misura”: a seconda delle esigenze della persona, del tipo di difetto e del ritocco necessario, il medico calibra le quantità di gel da iniettare, in modo da garantire risultati mirati.

Gli effetti sono duraturi
I risultati di questa metodica sono duraturi (anche per diversi anni): è stato calcolato che meno del 3% delle persone trattate richiede ritocchi aggiuntivi entro l’anno. Se necessario, si può trattare allo stesso modo anche la guancia inferiore.  È necessario rivolgersi a medici che abbiano una grande manualità ed esperienza nell’uso di questa tecnica, nonché una certa propensione “artistica”, per l’ottimizzazione del risultato finale del trattamento.

Dott.ssa Elena Guarneri

Medico Chirurgo