Mastopessi

Seno cadente, Ptosi delle mammelle, svuotamento seno, Post allattamento, Post gravidanza

La Mastopessi è un intevento di chirurgia estetica-plastica, utile per risollevare il seno cadente più o meno svuotato dopo una gravidanza, dopo un'eccessiva perdita di peso, o per invecchiamento precoce. Il problema è quindi rappresentato dai seni cadenti, e infatti nell'intervento di mastopessi la ghiandola mammaria è riposizionata nella sede originaria e modellata, e la cute in eccesso è asportata. Nei casi in cui alla ptosi (abbassamento dei seni, seni cadenti) si associ anche un'ipotrofia dei seni (scarso volume del seno), oltre alla mastopessi si associa l’inserimento di una protesi solitamente di piccolo volume (mastopessi e mastoplastica additiva).
 
Prescrizioni prima dell'intervento di mastopessi
Nelle pazienti giovani è richiesta un’ecografia, mentre sopra i 35-40 anni è necessaria la mammografia pre-operatoria. Gli esami del sangue devono essere completi con l'elettrocardiogramma ed la radiografia del torace. Si richieda l’acquisto di un reggiseno della taglia stabilita modellante da indossare dopo l’intervento di mastopessi e per le settimane successive. I farmaci contenenti acido acetilsalicilico e gli antinfiammatori devono essere sospesi 14 giorni prima. Da evitare l’intervento durante o nei 4-5 giorni che precedono il ciclo mestruale. La terapia antibiotica va iniziata il giorno prima e proseguita per almeno quattro giorni dopo l’intervento.

Tecnica operatoria
Nell'intervento di mastopessi si procede come per la mastoplastica riduttiva anche se le incisioni sono meno estese soprattutto al solco mammario. Naturalmente non si asporta tessuto ghiandolare che viene invece tutto conservato e modellato con incisioni e suture interne. L’eccesso di cute viene quindi eliminato. Se la ptosi non è eccessiva si può correggere lasciando soltanto una cicatrice circolare intorno all’areola. Si procede quindi come riportato per la mastoplastica riduttiva.

Valutazione pre-operatoria mastopessi
Oltre le immagini fotografiche è importante, mentre la paziente è seduta o in piedi, disegnare le linee d’incisione e la nuova posizione del complesso areola-capezzolo. Sul letto operatorio in posizione supina il disegno non può più essere cambiato.

Periodo post-operatorio
I drenaggi vengono tolti dal chirurgo plastico-estetico dopo 24-48 ore dall'intervento, e il reggiseno contentivo va indossato per tre settimane giorno e notte e quindi di giorno per altre due; è raccomandabile utilizzare sempre il reggiseno, soprattutto durante gli esercizi fisici. I punti di sutura esterni sono rimossi a partire dal 7° giorno fino al 14°. Per evitare l’ipertrofia delle cicatrici si raccomanda l’uso di pomate specifiche e dei fogli di silicone a partire dal 14° giorno.

Dott.ssa Elena Guarneri

Medico Chirurgo