Liposcultura

Liposuzione, Lipoaspirazione, Accumuli di grasso, Coulotte de cheval, Depositi adiposi, Grasso Superfluo

LIPOSCULTURA :  WAL  E  RFAL
La tendenza attuale nel campo della liposcultura, è quella di rendere la procedura sempre più mini-invasiva ed atraumatica, con velocizzazione dei tempi di ripresa del paziente e ritorno rapido alle abituali attività socio-relazionali e lavorative.
E’ con questa filosofia che sono state applicate due recentissime innovazioni nella tecnica della liposcultura: la WAL (WATER-ASSISTED LIPOSCULPTURE) E LA LIPOSCULTURA RADIOFREQUENZA-ASSISTITA (RFAL).
Nella wal si evita la fase preliminare della tumescenza (infiltrazione con fluidi ed anestetico) che precede la lipoaspirazione, perché si utilizza una cannula che contemporaneamente infiltra acqua, effettuando una dissezione degli adipociti che rende molto più agevole la fase successiva di aspirazione del grasso superfluo. I vantaggi sono due rispetto alla tecnica tumescente classica: più rapidi tempi di esecuzione della metodica e  migliore attività di controllo dei contorni corporei da parte dell’operatore, perché il tessuto su cui si lavora non viene espanso da pregressa infiltrazione trans-cutanea.
La tecnica RFAL è stata studiata soprattutto per eliminare il tessuto adiposo eccedente nelle cosidette aree “difficili”, perché frequentemente fibrotiche, come i back rolls (rotoli della regione posteriore del tronco), ginecomastia e area addominale. Con un dispositivo che emette una radiofrequenza computerizzata, direttamente nel tessuto grasso (a 2,5 cm dalla cute), si ottiene un’emulsificazione molto efficace del grasso stesso, nonché una valida rottura dei tralci fibrosi, cosi’ da rendere la fase aspirativa molto più agevole. Inoltre si realizza un’ottima retrazione cutanea sovrastante l’area trattata.

Dott.ssa Elena Guarneri

Medico Chirurgo